Le Nostre Proposte - Atzara - Meana Sardo

 

ATZARA
Arrivando ad Atzara si rimane affascinati dal paesaggio fatto di colline addolcite dal lavoro dell’uomo e dipinte dai colori unici che le stagioni donano alle foglie di vite. Un paesaggio ed un paese affascinante, per il piccolo ma curato centro storico, i sapori ed i profumi di uno stile di vita semplice e genuino. Ad Atzara, tutto, dal vino al cibo, dall’artigianato al folklore, raccontano un passato ricco di tradizioni. Atzara tra l’800 e il 900 è stata un vero e proprio laboratorio nel quale artisti locali e internazionali hanno trovato ispirazione, realizzando molte tra le loro migliori opere. Alcune possono essere ammirate nel curato museo Antonio Ortiz Echagüe che prende il nome da uno degli artisti internazionali che ad Atzara ha vissuto il suo periodo più ispirato e dipinto la sua opera più bella. Ma Atzara è soprattutto il paese del vino Mandrolisai: Cannonau, Monica e Bovale che danno vita ad un uvaggio molto apprezzato. Andando in giro per il paese si incontrano le botteghe degli artigiani atzaresi: da quelli del ferro a quelli che lavorano la pelle o realizzano, come gioielli, i ricami del ricco costume tradizionale.

 

MUSEO D’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA “ANTONIO ORTIZ ECHAGÜE”| Aperto tutto l’anno | Chiusura settimanale: lunedì
CONTATTI:  078465205 - info@comune.atzara.nu.it - www.comune.atzara.nu.it

CHIESA PARROCCHIALE DI SANT’ANTIOCO

CHIESA ROMANICA DI SAN MAURO – in territorio di Sorgono

 

MEANA SARDO

Meana deriva dalla parola “mediana”, con questo termine i romani battezzarono il paese che si trovava a metà percorso sulla strada che attraversava l’isola da Cagliari ad Olbia. L’economia agropastorale del paese è rimasta la principale fonte di reddito nei secoli, la pastorizia e la coltivazione della vite si confermano attività fondamentali e valorizzano nel miglior modo un territorio collinare e montuoso piuttosto aspro, il faticoso lavoro in campagna qui è ripagato dall’alta qualità delle produzioni. Sulla mensa di ogni casa e in occasione delle feste e delle sagre paesane i cibi tradizionali regalano sapori antichi frutto di ricette secolari. Il viaggio nel tempo, in questa regione, continua nei siti archeologici che rivelano l’importanza del luogo in epoca nuragica, tra tutti il sito di Nolza, a pochi chilometri dal paese innalza la sua torre centrale sino a 13 metri e domina l’intero orizzonte da più di tremila anni.

 

NURAGHE NOLZA | Aperto tutto l’anno | Chiusura settimanale: nessuna
CONTATTI:  0784643620, 078464183, 3337723003 - m.sardo@tiscali.it - ortuabis@tiscali.it

CHIESA DI SAN BARTOLOMEO

CHIESA DI SAN SALVATORE

CHIESA DI S’ANTONIO

CHIESA DI SAN LUSSORIO


Elenco aziende all'interno dell'itinerario